Daniele Rielli Newsletter n.1

Buone feste e tante care cose.

Ciao a tutti

prima di tutto grazie per l’entusiasmo con cui avete accolto PDR, è entrato dalla prima settimana in top 100 sulle chart nazionali dei podcast di cultura società (74). Nel primo mese di esistenza le puntate sono state ascoltate ventimila volte fra tutti i vari canali, con tempi di permanenza medi altissimi. Insomma, pare davvero che si possa parlare delle cose con una certa tranquillità, grazie per avermi confermato questo piacevole sospetto.

PDR XTRA

Nella prima puntata di PDR XTRA parlo assieme a Raffaele Riba della genesi e dei “segreti” del mio ultimo romanzo “ODIO”. L’incontro è stato registrato durante Scrittori in città, festival letterario che si tiene a Cuneo.

Per altro quale regalo migliore per Natale che un libro intitolato ODIO?

Potete anche impacchettarlo nella rassegna stampa e ottenere così dell’accigliata credibilità da spendere in maniera intergenerazionale.

Qui l’audio dell’incontro a Cuneo:

Spotify:

e su:

Apple podcast

Anchor

In questi giorni Roma è davvero splendida e passeggiando per il centro ho ripensato ai primi giorni del DeSa in città.

“Forte di quella sistemazione presi a passare a Roma almeno cinque giorni a settimana. Ricevetti un tesserino che mi permetteva di entrare e uscire da Palazzo Chigi; all’ingresso i carabinieri di guardia mi salutavano con un “dottore” per nulla ironico e ogni volta mi tornava in mente mia madre che per anni – gli anni in cui avevo sfoggiato occhi rossi a qualsiasi ora del giorno e nessun piano credibile per il futuro – aveva colto ogni occasione, comprese quelle più improbabili e remote, per parlare dei successi professionali di ex compagni di liceo o dei figli delle sue amiche che erano stati assunti in una qualche azienda di meccatronica dopo una triennale in ingegneria. Tutta roba più che dignitosa, si capisce, ma a cui io, vista la natura di poligono irregolare del mio cervello, avrei preferito una lenta morte per disidratazione. Ripensando a tutto questo lì, davanti al carabiniere ossequioso, sentivo esplodermi dentro una serie di luminosissimi fuochi d’artificio e mi veniva quasi voglia di abbracciarlo, mi fermava solo la consapevolezza che nessuno avrebbe mai potuto capire la remota radice punk di quel gesto." Odio, pag 137

NUOVA PAGINA SU AMAZON

Ho creato una piccola selezione con i miei libri, quelli degli ospiti di PDR e altri saggi e romanzi per me importanti. Penso sia una buona guida, ristretta e incompleta, sì, ma comunque di una certa utilità. Se un titolo vi interessa potete comprarlo nella vostra libreria di fiducia oppure direttamente sulla pagina.

Negli ultimi episodi di PDR ho parlato con :

Questa puntata fa parte della selezione di podcast che appaiono in contemporanea anche su Domani

Vi preannuncio l’uscita durante le feste di due nuove puntate molto succulente, una delle quali vi porterà letteralmente in giro per il mondo. Ok non proprio letteralmente, ma quasi.

HOCKEYTOWN il ritorno.

Lunedì 21 dicembre alle 18 parlerò qui di HOCKEYTOWN con un sacco di vecchie glorie dell’Hockey Club Bolzano, ci incontriamo per ricordare il grandissimo GINO - Crazy horse - PASQUALOTTO, leggenda dell’hockey italiano e “sindaco” di Bolzano, un gigante venuto a mancare troppo presto. Se sarà possibile tecnicamente mostrerò anche alcune delle immagini inedite che avevamo girato con Gino durante le riprese del documentario.

Per chi si era perso le trasmissioni sulla RAI, alle 20.30 HOCKEYTOWN andrà di nuovo in onda in tv, questa volta su Video33, solo tv e non in streaming, quindi sarà visibile esclusivamente dal territorio altoatesino.

Per chi abita da altre parti rimane sempre la possibilità di acquistare il dvd, partendo da qui.

Infine volevo condividere con voi la mia straordinaria abilità di decoratore di pacchi di Natale:

(Babbo Natale in canottiera, Penna su carta, Roma 2020)

La mia compagna ne è entusiasta, ma come potrebbe essere diversamente?

Non mi resta che augurare a voi e ai vostri cari buon Natale. Sperando di fare cosa gradita ho scelto allo scopo alcuni versi del Maestro di Trani:

p.s.

Alcuni di voi ricevono questa mail perchè erano iscritti alla newsletter di Quitthedoner o avevano interagito con il sito, se non è più di vostro gradimento me ne scuso: potete cancellarvi usando l’apposito tasto.